Servizio civile

Che cos'é:

Il Servizio Civile Nazionale (SCN) è un'esperienza di cittadinanza attiva che lo Stato propone alle nuove generazioni attraverso le amministrazioni pubbliche, le associazioni non governative e le associazioni no profit iscritte all'Albo nazionale degli Enti di servizio civile (istituito presso  l'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, organo della Presidenza del Consiglio dei Ministri) o ad uno degli albi regionali (istituiti in ogni Regione in seguito al decentramento delle competenze statali in materia di SCN, previsto dal Decreto legislativo  5 aprile 2002, n. 77).


Prevede il coinvolgimento dei giovani cittadini italiani, di età compresa tra i 18 e i 28 anni, maschi e femmine, nella realizzazione di progetti sociali di pubblica utilità, per un periodo della durata di 12 mesi.

Ai sensi della legge n. 64 del 6 marzo 2001 (Istituzione del servizio civile nazionale), tutti i progetti di servizio civile, pur nella diversità degli obiettivi specifici propri di ciascun Ente, rispondono alle seguenti finalità generali:
 

  • concorrere, in alternativa al servizio militare, alla difesa della Patria con mezzi ed attività non militari;
  • favorire la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale;
  • promuovere la solidarietà e la cooperazione, a livello nazionale ed internazionale, con particolare riguardo alla tutela dei diritti sociali, ai servizi alla persona ed alla educazione alla pace fra i popoli;
  • partecipare alla salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione, con particolare riguardo ai settori ambientale, storico-artistico, culturale e della protezione civile;
  • contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani.
  • Il riferimento alla difesa della Patria con mezzi e attività non militari qualifica il servizio civile come strumento di pace e rimanda alla cultura della nonviolenza che ha contraddistinto la storia del servizio civile in Italia. In essa  l’opposizione alla guerra si associa alla lotta contro le ingiustizie e le discriminazioni sociali e alla promozione della democrazia dal basso per la diretta e responsabile partecipazioni di tutti i cittadini alla gestione delle risorse materiali e culturali della comunità.


Il richiamo ai principi costituzionali di solidarietà sociale rimanda ad alcuni dei più importanti articoli della Costituzione della Repubblica italiana nei quali si radica lo spirito di partecipazione proprio del SCN:
 

  • il riconoscimento dei diritti umani e l'adempimento dei doveri di solidarietà politica, economica e sociale (art. 2);
  • la rimozione degli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione alla vita politica, sociale ed economica del paese (art. 3);
  • il dovere di concorrere al progresso materiale e spirtuale della società (art. 4);
  • il ripudio della guerra (art. 11);
  • il dovere di difendere la Patria (art. 52).

Il valore formativo che la legge attribuisce al SCN è essenzialmente basato sull’esperienza, secondo il principio dell'imparare facendo.

I progetti di servizio civile prevedono la costituzione di un gruppo di lavoro all’interno del quale i giovani operano quotidianamente a stretto contatto con personale qualificato per il conseguimento di obiettivi condivisi, secondo ruoli e regole predefinite.
 

All’interno del gruppo i giovani sperimentano i propri limiti e le proprie potenzialità relazionali, hanno modo di sviluppare competenze nuove e approfondire la conoscenza dei contesti sociali in cui i progetti si realizzano.

Un anno di servizio civile può rappresentare per un giovane un periodo di crescita personale, orientamento alle scelte future, arricchiemento e integrazione del proprio percorso di studi, avvicinamento al mondo del lavoro.


Istituito nel 1972 come alternativa al servizio militare, dal 1° gennaio 2005, con la sospensione dell'obbligo di leva, al SCN possono accedere sia i maschi che le femmine su base esclusivamente volontaria, mediante la partecipazione alla selezione indetta dall'UNSC tramite un bando nazionale (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale).

 

"SMILE"
Bando di servizio civile per il 2017 

Il 24/05/2017 il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando nazionale volontari per la selezione di 26.304 giovani da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all'estero.

Caritas Italiana vede finanziati 181 progetti in Italia e 6 progetti all'estero, per un totale di 1.379 posti.


La scadenza per le domande da parte dei giovani sono le ore 14.00 del 26 giugno. Tutte le informazioni tecniche sul Bando sono disponibili sul sito di Caritas Italiana e sul sito del Servizio Civile Nazionale.
 

Come fare:

Le domande vanno presentate per posta/corriere o a mano, tramite compilazione dell'Allegato 2 e dell'Allegato 3 (scaricabili in fondo alla pagina), e devono pervenire all'Ente entro le ore 14.00 del 26 GIUGNO 2017 (non fa fede quindi la data del timbro di spedizione bensì quella di effettivo recapito all'Ente).

Attenzione: Le domande trasmesse con modalità diverse da quelle indicate non saranno prese in considerazione. In particolare, non saranno accolte le domande inviate via e-mail o via fax.

Possono presentare domanda coloro che si trovano in una delle seguenti condizioni:

  •     cittadino dell'Unione europea; familiare di cittadini dell'Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  •     titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  •     titolare di permesso di soggiorno per asilo;
  •     titolare di permesso di soggiorno per protezione sussidiaria.

 

Per partecipare al Bando occorre:

  •     aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni + 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  •     non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata;
  •     essere cittadini dell’Unione europea; ovvero:
  •     familiari dei cittadini dell’Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  •     titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  •     titolari di permesso di soggiorno per asilo;
  •     titolari di permesso per protezione sussidiaria.

Insieme alla domanda bisogna presentare copia del documento di identità in corso di validità.

Non è possibile presentare domanda per più di un progetto, pena l'esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti a cui si riferisce il bando.

Non possono presentare domanda i ragazzi e le ragazze che già prestino o abbiano prestato servizio civile in qualità di volontari ai sensi della legge n. 64 del 2001, ovvero che abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che appartengono alle forze armate o alle forze di polizia.
Non possono presentare domanda coloro che hanno in corso con l'ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, o che abbiano avuto tali rapporti nell'anno precedente di durata superiore a tre mesi.


FAQ: http://www.serviziocivile.gov.it/main/area-volontari-hp/faq/03-domande-di-partecipazione/


E' POSSIBILE FARE L'ESPERIENZA DI SERVIZIO CIVILE ANCHE ALL'ESTERO, ATTRAVERSO CARITAS ITALIANA CON I CASCHI BIANCHI.
Tutte le info sul sito Caritas Italiana.

PER INFO E CHIARIMENTI:
eva@caritascdc.it ; cristina@caritascdc.it
TELEFONO 0758553911

E' ANCHE POSSIBILE SCARICARE IN FONDO ALLA PAGINA LA GUIDA PER ACCOMPAGANRE I GIOVANI NELLA SCELTA DI SC.